Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Espatriare? Serve un progetto e tanta pazienza

Tante persone che incontro mi confessano di voler abbandonare l'(ex) Belpaese. Tutti sono stanchi, oppressi dalla burocrazia, privi di una idea e della percezione di futuro, incastrati in un paese che pare loro vecchio e immobile. Tutto vero. Ma poi noto che quando si inizia ad approfondire chiedendo loro che vorrebbero fare all'estero, come intendano muoversi le idee diventano poche e confuse. Chiariamo subito che andare all'estero non è affatto semplice e richiede pianificazione, pazienza e soprattutto spalle coperte. Dipende poi cosa si va a fare, se si va da soli o con famiglia e dove si intende andare. Sorvolando per ora sul dove (mi riprometto però di tornare sul punto pubblicando nelle prossime settimane schede sui paesi che ritengo più interessanti per gli expats), credo importante sottolineare che prima di partire bisogna chiedersi cosa si vuole andare a fare all'estero e soprattutto che obiettivo si intende perseguire. Il Fatto Quotidiano pubblica ogni tanto…

Ultimi post

Cambio pelle

Passo e... chiudo

Ho la coscienza a posto

La pelle di Renzi e la pseudodemocrazia digitale di Grillo

Come recuperare i soldi persi?

Nasce Associazione Soci banche popolari

TASSATI E ASFALTATI : 26 APRILE BASSANO

La azione di responsabilità serva anche per risarcire i vecchi soci delle ex popolari

Un fashion movement

Zaia (e la Lega) non sei intellettualmente onesto